Tessile: accordo Astri-Ateneo per distretto Prato più green

Per collaborare in ricerca e formazione per riciclo

Redazione ANSA PRATO

(ANSA) - PRATO, 09 GIU - Firmato stamane l'accordo quadro tra Astr - Associazione tessile riciclato italiana - ed il polo universitario pratese emanazione dell'Ateneo fiorentino (Pin) per rendere le aziende tessili del distretto pratese sempre più green e competitive.
    L'intesa prevede la collaborazione per sviluppare attività di ricerca e di formazione applicate alla filiera tessile del riciclo, affrontando molti aspetti tecnici legati all'economia circolare che caratterizza il distretto tessile pratese sin dalla sua nascita, nelle procedure in ambito di analisi chimiche sui materiali di produzione, di conformità agli standard internazionali, e procedure operative e gestionali per le certificazioni di settore, studi sul prodotto tessile riciclato e effetti sull'ambiente e sulla salute umana.
    Astri nasce nel 2017 grazie alla volontà di imprenditori del settore e con il fine di valorizzare il lavoro che Prato fa da decenni, ossia quello di produrre tessuti rigenerati. Ad oggi l'associazione raggruppa più di 180 aziende. "Questo accordo vuole essere l'inizio di una collaborazione importante - afferma Fabrizio Tesi, presidente di ASTRI - per aiutare il nostro settore ad offrire risposte qualificate alle richieste dei clienti e ai cambiamenti in corso". "L'attenzione all'economia circolare ed alla sostenibilità dei prodotti è una tendenza ineludibile tra i consumatori di tutto il mondo - ha spiegato Daniela Toccafondi, presidente del Pin -, a Prato rappresenta una forma mentis e va rafforzata ed adeguata agli orientamenti del mercato mondiale. Il Pin è il luogo ideale per affrontare insieme alle imprese questi temi. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA