Società & Diritti

Orgoglio gay, 50 anni fa i moti di Stonewall

Per la prima volta World Pride a NY. Attesi milioni di turisti

NEW YORK CELEBRA I 50 ANNI DEI MOTI DI STONEWALL Eugene Gordon ACT UP activists at Pride March, 1988  New-York Historical Society Library © ANSA
  • di Gina Di Meo
  • NEW YORK
  • 23 giugno 2019
  • 19:01

Cinquant'anni fa un blitz di routine della polizia inspirò una rivolta. Era la notte tra il 27 e 28 giugno del 1969 quando ebbero inizio i famosi moti dello Stonewall, dal nome dello Stonewall Inn un gay bar nel cuore del West Village. In quella notte e per la settimana successiva trans, lesbiche, gay, drag queen ossia persone oggi identificate come LGBTQ decisero di prendere posizione contro quella che era una vera e propria oppressione da parte della polizia. Non è chiaro quale fu il motivo scatenante della rivolta, ma durante i giorni dei moti dello Stonewall, oltre duemila persone manifestarono contro la polizia e in totale furano arrestate una ventina di esse. Tuttavia ciò che accadde dopo fece la storia e segnò un momento di svolta per il movimento dei diritti civili degli LGBTQ. Non fu esattamente l'inizio dello stesso movimento bensì catapultò la questione a livello nazionale. "La rivolte dello Stonewall nel 1969 - ha detto all'ANSA Cathy Renna, consulente della comunicazione per New York City Pride, l'ente che organizza ogni anno il gay pride a New York - furono importanti perché in Usa in quel momento un gruppo di persone decise di dire basta. Basta con la polizia, la mafia, la discriminazione, la necessità di nascondersi. Anche se c'era già un certo attivismo all'epoca, quell'evento a New York, soprattutto perche' attirò l'attenzione della stampa, diede il via al movimento LGBTQ come lo conosciamo oggi".

    Un anno dopo i moti dello Stonewall il primo Pride a New York si ebbe il 28 giugno del 1970, l'anno prossimo quindi ricorrerà un altro anniversario importante, i 50 anni del primo Pride.
    Quest'anno il Pride di New York segna una svolta perche' per la prima volta negli Stati Uniti ci sarà un World Pride. Il primo world pride si svolse a Roma nel 2000. Il World Pride di New York sarà particolarmente significativo perché' coincide appunto con il 50/o anniversario dei Moti dello Stonewall.
    "Il 2019 è un anno monumentale a New York soprattutto per il 50/o anniversario di Stonewall e la città che ospita World Pride, per la prima volta in assoluto negli Stati Uniti - ha spiegato all'ANSA Christopher Heywood, vice presidente esecutivo e Global Communications per Nyc and Company, l'ente che si occupa dello sviluppo turistico di New York. - Sarà un momento cruciale per la città e sono attese dalle 4 ai 5 milioni di persone solo a giugno, ma lo scopo di Nyc&Co e' di far si che le celebrazioni durino un anno. Abbiamo coinvolto le principali organizzazioni culturali in tutti i cinque distretti per creare un calendario speciale su LGBTQ per commemorare il 50/o anniversario di StoneWall. Per New York City è un'opportunità rafforzare lo spirito accogliente della città e per mettere in evidenza la sua diversità senza eguali. E' un'opportunità unica per riaffermare che la città è la destinazione LGBTQ numero uno al mondo".
    Per celebrare ciò che accadde 50 anni fa e gli effetti irreversibili che ci sono stati dopo sul piano dei diritti umani, la città ha organizzato una serie di eventi durante tutto l'anno (tuttavia la settimana clou sarà l'ultima di giugno, ndr) per quello che è stato anche ribattezzato 'Pride Uncontained' (Pride senza limiti) e che invita tutti a celebrare questo anniversario sia partecipando al World Pride oppure visitando gli appuntamenti culturali o anche i luoghi LGBT della città.

Vai al Canale: ANSA2030