Società & Diritti

Torino Spiritualità: la pelle il tema della 18/a edizione

Come frontiera tra noi e il mondo, come mappa dell'esistenza

 © ANSA
  • Redazione ANSA
  • TORINO
  • 09 giugno 2022
  • 08:59

 La pelle, intesa come frontiera estrema tra noi e il mondo, come qualcosa di superficiale e al tempo stesso di legato al profondo, come mappa visibile della nostra esistenza, è il tema della 18/a edizione di Torino Spiritualità, in programma dal 29 settembre al 2 ottobre.
    Il festival torinese dedicato a raccontare e scoprire lo spirito più personale, ma anche l'anima più collettiva del nostro esistere, torna in autunno con 4 giorni di lezioni, dialoghi, letture e meditazioni al Circolo dei lettori e nel cuore della città, per riflettere insieme confrontando coscienze, culture e religioni.
    "La pelle rivela molto di noi: è memoria fisica, è un palinsesto intimo che ci portiamo addosso - dice il curatore, Armando Buonaiuto - ma è anche forma esterna del nostro spirito". "Torino Spiritualità compie 18 anni - aggiunge Elena Loewenthal, direttore del Circolo dei lettori - e propone un tema dalle inesauribili suggestioni, la pelle che è l'organo più vasto del corpo umano, è ciò che al tempo stesso ci unisce e separa dal mondo".
    Dopo una prima tranche al Salone del Libro dedicata alla bellezza, Torino Spiritualità offre ora, un'anticipazione del calendario autunnale, composta da 4 'Camminate sulla pelle della terra', percorsi nella natura nel territorio di Torino, in provincia di Cuneo e in Valle d'Aosta, condotte da guide escursionistiche e ospiti d'eccezione. Questi i 4 titoli: Forest Bathing, Alla ricerca della notte rubata, Axis Mundi e La pelle di Gaia. (ANSA).
   

Vai al Canale: ANSA2030
Modifica consenso Cookie