Ducati: in mostra a Bologna la 'scienza' dell'aerodinamica

Ad Domenicali, sviluppiamo saperi da diffondere nel territorio

Redazione ANSA BOLOGNA

Il sapere e la 'scienza' dell'aerodinamica applicata alle moto Ducati. Simulazioni, video, moto come la Desmosedici del 2016, modelli che raffigurano le sagome dei piloti e pannelli informativi per accompagnare tutti, esperti e appassionati, alla scoperta dell''Anatomia della velocità' come recita il titolo della mostra temporanea allestita al Museo Ducati di Bologna. Il taglio del nastro in anteprima a cui hanno partecipato i piloti Andrea Dovizioso, Danilo Petrucci e Michele Pirro, in partenza per il Mugello, il direttore generale di Ducati Corse Luigi Dall'Igna, l'aerodynamic development manager Edoardo Lenoci e l'amministratore delegato Claudio Domenicali per il quale, questa mostra che aprirà domani e si potrà visitare fino a ottobre, rappresenta "un bell'esempio" di come le aziende "possono influire sul territorio, diffondendo conoscenza". "Noi la vediamo come una parte della nostra ragione di esistenza - ha spiegato - non creiamo solo posti di lavoro, ma sviluppiamo anche competenze e tecnologie che mettiamo a disposizione degli appassionati o dei ragazzi che stanno studiando. Penso che vedere una applicazione pratica della scienza dell'aerodinamica, molto complicata ma affascinante, possa dare spirito e motivazioni ai giovani per impegnarsi nello studio e creare nuova cultura. Ducati ha sempre creduto nella tecnologia: nel mondo della Formula 1 l'aerodinamica è molto sviluppata - ha proseguito l'amministratore delegato - nelle moto lo era poco, è stato importante credici. Abbiamo segnato una strada. Nel campionato di MotoGp, dove c'è il massimo della tecnologia, oggi siamo leader e gli altri ci stanno inseguendo".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA