Nissan blinda futuro Sunderland concentrando linee batterie

Stabilimento Gb ora soddisfa percentuali richieste dalla Brexit

Redazione ANSA ROMA

Alla luce degli accordi presi dopo l'entrata in vigore della Brexit, Nissan ha varato un programma per la costruzione nel Regno Unito di batterie per veicoli elettrici, un passo che permetterà di tutelare il futuro della sua fabbrica di Sunderland.

La società cinese Envision Group, che si occupa attualmente della costruzione di batterie da 40 kWh proprio a Sunderland aggiungere alla sua gamma anche la versione da 62 kWh attualmente prodotta negli Stati Uniti e importata nel Regno Unito.

Spostare tutta la produzione di batterie nel Regno Unito eviterà a Nissan di incorrere nei dazi del 70% per i modelli Leaf costruiti per l'esportazione secondo i termini del nuovo accordo commerciale, in quanto riporta sopra al 55% il valore materiale di un veicolo che deve provenire dal Regno Unito o UE per evitare sanzioni.

"L'accordo sulla Brexit - ha detto Andrew Humberstone Ceo di Nissan UK - ci dà finalmente qualche certezza e ci permette di pianificare futuri successi per le nostre operazioni in tutta la regione". Con questa 'rivitalizzazione' Sunderland dovrebbe poter diventare il fulcro centrale delle operazioni europee di Nissan come parte del piano dell'Alleanza con Renault e Mitsubishi.

Secondo il Financial Times Renault potrebbe spostarvi la produzione dei suoi suv Captur e Kadjar che condividono le piattaforme con Juke e Qashqai e aggiungervi anche nuovi modelli. Oggi Sunderland lavora a poco più della metà della capacità e potrebbe aggiungere nella gamma la nuova generazione dell'X-Trail e l'inedito suv elettrico Ariya.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie