Finanziamenti più chiari, 14 case auto si adeguano

Antitrust accetta impegni, società modificano le loro offerte

Redazione ANSA ROMA

Offerte più chiare e comprensibili per chi voglia acquistare un'automobile con finanziamento. E' l'impegno assunto da 14 tra le maggiori case automobilistiche che operano in Italia, che ha convinto l'Autorità garante della concorrenza e del mercato a chiudere, senza accertare l'infrazione e rendendo obbligatori gli impegni presi, i procedimenti avviati nei mesi scorsi. Le 14 case automobilistiche che modificheranno le proprie offerte d'acquisto con finanziamento e leasing sono FCA, Volkswagen, PSA, Renault, Toyota, Ford, BMW, Mercedes, Hyundai, Kia, Suzuki, Nissan, Honda, M.M. Automobili (distributore esclusivo Mitsubishi). Le società erano finite nel mirino dell'Antitrust alla fine del 2021 per aver fornito offerte di acquisto con finanziamento e di leasing "omissive e ingannevoli", in cui si enfatizzava solo il conveniente importo della rata, relegando invece le informazioni essenziali a sezioni di non agevole lettura, accessibili in sezioni poste spesso alla fine e in caratteri minuti. Ma proprio perché "il finanziamento è oggi una delle più diffuse modalità di acquisto delle autovetture nuove", l'Antitrust ha voluto vederci chiaro. Ora gli impegni presentati dalle società - che riguarderanno sia la comunicazione digitale, sia quella tradizionale offline - consentono al consumatore di comprendere, già da una prima lettura delle condizioni dell'offerta, l'entità dell'impegno economico richiesto e la sua distribuzione nel tempo, spiega l'Authority. In un unico riquadro visivo vengono concentrate tutte le informazioni economiche rilevanti (l'entità dell'anticipo, il numero e l'importo mensile delle singole rate e dei canoni di leasing, l'entità del versamento finale, l'eventuale valore di riscatto, il TAN e il TAEG), presentate in modo chiaro e con adeguata evidenza grafica, consentendo al consumatore di calcolare con semplici operazioni aritmetiche il costo della vettura e comprenderne le modalità di pagamento nel tempo. "Gli impegni proposti rappresentano un significativo miglioramento della comunicazione relativa alle condizioni di finanziamento perché riducono l'asimmetria informativa, assicurano condizioni di offerta trasparenti e immediatamente comprensibili, innovano la comunicazione del settore e, soprattutto, mettono fine alla prassi" di enfatizzare rate e prezzi che non comprendono tutti gli oneri, sottolinea l'Authority. La decisione, tuttavia, non basta per le associazioni dei consumatori. E' "del tutto insufficiente", sostiene il Codacons, facendo notare che "ancora oggi diversi marchi pubblicizzano in tv e sulla carta stampata offerte per auto a rate omettendo di fornire ai consumatori informazioni chiare e trasparenti sui reali costi dei finanziamenti".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie