Euro NCAP, sicurezza al top per le auto testate nel 2019

Per tutte 5 stelle, il massimo,per una con safety pack opzionale

Redazione ANSA ROMA

(ANSA) - ROMA, 04 GIU - La sicurezza dei nuovi modelli proposti dai Costruttori sembra migliorare rispetto al passato, a fornire quest'indicazione sono i risultati dei crash-test effettuati dall'Euro NCAP nel primo semestre di quest'anno.

L'ente europeo indipendente, di cui fa parte anche l'Automobile Club d'Italia (ACI), periodicamente sottopone alcune fra le numerose 'new entry' del mercato a prove di urto e di efficacia dei sistemi elettronici di bordo: i dodici modelli verificati nel primo semestre 2019 hanno conquistato tutti le ambite 5 stelle, il massimo del punteggio. Per undici vetture l'eccellente risultato è stato ottenuto con la dotazione prevista come standard su tutti i mercati del Vecchio Continente, per una con l'equipaggiamento 'safety pack' proposto in opzione in alcuni Paesi UE. Le verifiche hanno riguardato sia macchine ad alimentazione convenzionale sia ibride ed elettriche, con carrozzerie di vario genere, prevalentemente Suv. L'elenco comprende Audi e-tron, primo modello a batterie della Casa di Ingolstadt, Lexus UX, Mazda 3, Renault Clio, Toyota Corolla e Rav4, Volkswagen T-Cross, Land Rover Range Rover Evoque, Honda CR-V, Mercedes-Benz Classe G, Seat Tarraco e Citroen C5 Aircross, quest'ultima valutata con quattro stelle nella configurazione di serie e con cinque in quella con il safety pack.

Andando a esaminare questo lotto, voce per voce, la miglior valutazione per la protezione degli occupanti adulti è stata raggiunta dalla compatta a cinque porte Mazda 3, con un punteggio di 98 su 100. Per quello che riguarda la sicurezza dei bambini spicca l'ottimo 89 su 100 di un'altra compatta, la Renault Clio. Il risultato più elevato per i pedoni lo ha conquistato la Toyota Corolla, con 86 su 100. Infine, alla voce equipaggiamento elettronico spiccano l'82% della Citroen C5 Aircross con safety pack e l'80% della Volkswagen T-Cross con dotazione di serie. Proprio la verifica dei sistemi di ausilio alla guida e di pilotaggio semi automatico sono una delle principali novità introdotte nel corso del 2018, insieme a un focus sulla protezione degli utenti della strada più vulnerabili, in particolare dei ciclisti.

Lo scorso anno, su 23 veicoli furono 16 quelli che ottennero le cinque stelle. I risultati registrati nelle prime tre sessioni del 2019 (febbraio, aprile, maggio) mostrano quindi un incremento delle performance in fatto di sicurezza, il che fa ben sperare anche per il futuro.(ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA