Alzheimer, trovati i messaggi in bottiglia dei neuroni malati

Aprono a test del sangue per la diagnosi precoce

Redazione ANSA

Scoperti i 'messaggi in bottiglia' rilasciati nel circolo sanguigno dai neuroni colpiti da Alzheimer: racchiusi in piccole vescicole di membrana, sono dei filamenti di Rna specifici della malattia che potrebbero aprire la strada a nuovi test del sangue per la diagnosi precoce. Lo indica lo studio pubblicato sulla rivista Cells da Chiara Fenoglio e Maria Serpente, ricercatrici del gruppo coordinato da Elio Scarpini e Daniela Galimberti del Centro Dino Ferrari, di Policlinico e Università Statale di Milano.

Le vescicole extracellulari sono delle microscopiche navette usate nella comunicazione tra cellule. Il loro rilascio, spiegano le ricercatrici, "avviene sia in condizioni normali sia in condizioni patologiche, conferendo a queste microscopiche vescicole un'enorme potenzialità come strumento diagnostico, ma anche terapeutico. Essendo prodotte da tutti i tipi di cellule, le vescicole si ritrovano in tutti i fluidi biologici. Inoltre, una volta prodotte, presentano sulla loro superficie dei marcatori specifici, delle 'etichette' molecolari che ne identificano la provenienza".

Grazie alle loro analisi di laboratorio, le ricercatrici sono riuscite a isolare e caratterizzare le vescicole rilasciate dai neuroni, studiando i microRna contenuti al loro interno: ne hanno così identificati alcuni che si ritrovano solo ed esclusivamente nella frazione di vescicole derivate dai neuroni e che risultano maggiormente espresse nei malati. Questa 'firma molecolare' potrebbe contribuire all'identificazione di nuovi marcatori periferici per diagnosticare l'Alzheimer con un semplice esame del sangue, aprendo la strada a simili sviluppi per altre malattie neurodegenerative come la demenza frontotemporale.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA