Sicilia e Puglia al top in Ue per terreni con colture bio

Eurostat: Calabria terza per quota (30%) su convenzionale

Redazione ANSA

BRUXELLES - Tra le 35 regioni europee in cui l'agricoltura biologica copre almeno il 15% delle aree coltivate, la Sicilia e la Puglia sono quelle con le superfici più vaste. Rispettivamente 375mila e 194mila ettari, calcola Eurostat nel suo Annuario delle Regioni. La pubblicazione include un capitolo con dati dell'agricoltura, in particolare sulla produzione di latte e cereali e sulle coltivazioni biologiche.

La regione di Salisburgo in Austria è l'unica in Europa dove le superfici bio superano quelle convenzionali (51,8%), ma la Calabria è terza in classifica con quasi il 30%.

Dall'annuario emerge anche che, con 4,9 milioni di tonnellate, la Lombardia è la terza regione Ue per produzione di latte vaccino e la seconda per crescita della produzione dal 2015 al 2018.

Ben sei regioni italiane sono tra le prime 10 per la velocità dell'incremento nell'ultimo triennio. Si tratta di Liguria, Val d'Aosta, Abruzzo, Basilicata, Umbria e Toscana. Umbria, Marche ed Emilia Romagna sono invece fra le 10 regioni con la maggior quota di agricoltori con più di 65 anni.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"Il presente progetto è finanziato con il sostegno della Commissione europea. L'autore è il solo responsabile di questa pubblicazione e la Commissione declina ogni responsabilità sull'uso che potrà essere fatto delle informazioni in essa contenute."

Modifica consenso Cookie