Google: editori Ue, bene indagine su posizione dominante

'A rischio investimenti nel giornalismo'

Redazione ANSA

BRUXELLES - "Accogliamo con favore questa nuova indagine su Google. Le autorità garanti della concorrenza in diversi Paesi ora stanno indagando sulle grandi piattaforme e, sulla base di indagini serie e approfondite, stanno trovando le loro pratiche abusive nella raccolta dei dati". Così in una nota la direttrice esecutiva del Consiglio degli Editori Ue (Epc), Angela Mills Wade, commenta l'indagine dell'Autorità antitrust italiana nei confronti di Google per presunto abuso di posizione dominante.

In particolare, l'Autorità si concentra sulla disponibilità e sull'utilizzo dei dati per la progettazione di campagne di "display advertising", ovvero lo spazio che gli editori mettono a disposizione per la visualizzazione di contenuti pubblicitari.

Secondo gli editori "Google è dominante sia dal lato degli acquisti che da quello delle vendite della pubblicità e, grazie alla sua posizione ineguagliabile e alla colonizzazione dei dati, è in grado di sfruttare il sistema a proprio vantaggio. - ha detto la direttrice dell'Epc - Ciò a svantaggio degli editori e, in ultima analisi, dei lettori, poiché minori entrate pubblicitarie portano a minori investimenti nel giornalismo con un impatto dannoso e a lungo termine sulla pluralità dei media".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"I contenuti del sito riflettono esclusivamente il punto di vista dell’autore. La Commissione europea non è responsabile per qualsivoglia utilizzo si possa fare delle informazioni contenute."


"Il progetto "Be Aware, protect your future" è stato cofinanziato dall'EUIPO - Ufficio dell'Unione europea per la proprietà intellettuale nel quadro dell'invito a presentare proposte GR/002/19 "Sostegno ad attività di sensibilizzazione al valore della proprietà intellettuale e ai danni provocati dalla contraffazione e dalla pirateria (2019/C 181/02)". L'EUIPO non ha partecipato alla sua preparazione e non è in alcun modo responsabile delle informazioni o dei punti di vista espressi nel quadro del progetto, né si considera da essi vincolato. Gli autori, le persone intervistate, gli editori o i distributori del programma ne sono gli unici responsabili, conformemente al diritto applicabile. Inoltre l'EUIPO non può essere ritenuto responsabile di eventuali danni diretti o indiretti derivanti dalla realizzazione del progetto."

Modifica consenso Cookie