Torneo Arabia fa discutere, critiche a Mickelson

Statunitense a Saudi International:"Capisco arrabbiati e delusi"

Redazione ANSA ROMA

(ANSA) - ROMA, 04 DIC - "Capisco gli arrabbiati e i delusi ma, dopo avere rifiutato per molti anni di andare a giocare un torneo in Medio Oriente, ho pensato fosse la volta giusta anche per visitare un posto mai visto". Phil Mickelson, su Twitter, risponde così alle forti critiche ricevute per aver accettato la proposta di partecipare alla seconda edizione del Saudi International, torneo della discordia dell'European Tour in programma dal 30 gennaio al 2 febbraio 2020 a King Abdullah Economic City. Sui social network monta la polemica e la scelta dell'americano fa discutere. La questione dei diritti umani, compresi quelli delle donne, in Arabia Saudita è considerata ancora troppo lontana dagli standard occidentali. E il presunto coinvolgimento del Governo nell'omicidio 2018 del giornalista Jamal Khashoggi, non fa che peggiorare le cose. "Non biasimo i delusi - le dichiarazioni di Mickelson - ma la mia partecipazione è volta anche a far crescere il golf nel Paese".
    (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA