Australian Open, nube tossica costringe i big a precauzioni

A Sidney campioni sul green con mascherine e bruciore occhi

Redazione ANSA ROMA

(ANSA) - ROMA, 05 DIC - Bruciore agli occhi e mascherine protettive per difendersi dalla nube tossica che da settimane sta avvolgendo Sidney. All'Australian Open di golf i protagonisti del torneo sono stati costretti a prendere precauzioni per ripararsi dal fumo dei roghi che stanno devastando la regione delle Blue Mountains, nel Nuovo Galles del Sud. "Gli addetti ai lavori che stanno combattendo contro una grande emergenza ovviamente versano in condizioni certamente peggiori delle nostre, ma non è stato bello e produttivo giocare in questa situazione". Queste le parole del britannico Paul Casey, tra le star più attese dell'evento. L'indice della qualità dell'aria di Sidney, alla pari di quella di Pechino, ha costretto molti golfisti a indossare una mascherina. Tra questi anche il neozelandese Ryan Chisnall, che ha giocato in condizioni difficili visti anche i suoi problemi asmatici.
    (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA