"Nicita", sigaro con tabacco di Bagheria

Victor Calvo dal Nicaragua a Palermo per definire accordi

(ANSA) - PALERMO, 15 SET - "Ero già venuto a Palermo, lo scorso inverno, per una visita esplorativa, adesso ho definito con il mio amico Federico Marino l'accordo che prevede la produzione nelle mie fabbriche in Nicaragua di un sigaro realizzato con tabacco prodotto a Bagheria, e nel mio paese che si chiamerà "Nicita", composizione delle prime tre lettere di Nicaragua e Italia". Lo dice Victor Calvo, imprenditore e produttore di sigari del Nicaragua. Per lui, nell'area di Estelì, la città considerata la capitale del tabacco del paese latino-americano, lavorano circa 1.500 persone. L'idea di realizzare un sigaro con foglie siciliane e nicaraguensi è partita dal palermitano Federico Marino, 53 anni, il quale da circa 3 anni con la cooperativa agricola "la Campagnola", assieme ad un gruppo di amici e soci, ha deciso di coltivare la pianta in Sicilia: ha iniziato nelle campagne di Cerda, patria del carciofo, assieme ad altri amici, con due tipi di tabacco, il 'Burley' e il 'Kentucky'. Ora le coltivazioni sono a Bagheria.
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      vai

      ANSA ViaggiArt

      Al confino a Ustica, testimonianze antifasciste

      Tra il 1926 e il 1927 nella piccola isola vennero confinati molti esponenti della sinistra italiana, da Gramsci a Bordiga. La testimonianza del loro passaggio in una mostra a Palermo

      Confino degli antifascisti a Ustica, mostra di foto a Palermo (ANSA)
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere