Gioielli di Gianni De Benedittis by futuroRemoto in un libro

Biografia del designer di Gattinoni di Giovanna Ciracì

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - GIANNI DE BENEDITTIS FUTUROREMOTO GIOIELLI - DI GIOVANNA CIRACI' - I QUADERNI DEL BARDO EDIZIONI DI STEFANO DONNO) - Gianni De Benedittis, considerato un orafo artista, partendo dal Salento, la sua terra d'origine, crea il marchio di gioeilli futuroRemoto, con cui raggiungerà un successo globale. Il cinema di Ferzan Ozpetek e la moda di Gattinoni lo accolgono come il creatore ufficiale di gioielli dallo stile identificabile, che abbelliscono molte celebrities. Collane, pendenti, orecchini e spille sorprendono per le forme inusuali. Nelle sue collezioni ogni pezzo lascia stupiti, non solo per come è stato costruito, ma soprattutto per quello che rappresenta, come nel caso dell'Anello Orinatoio o dell'Anello Etilometro. De Benedittis è l'ideatore di un mondo tutto da scoprire, in cui nulla è lasciato al caso, ma ogni elemento è studiato nei minimi dettagli.
    Giovanna Ciracì, analizzando la personalità dell'orafo e tutto ciò che ruota attorno a lui, conduce il lettore in un viaggio nella storia di uno dei marchi pugliesi più apprezzati nel mondo del fashion. Partendo dalle origini fino al suo presente, l'autrice di questa monografia racconta l'ascesa e l'evoluzione di un successo che continua a crescere. Il volume si presenta come un prodotto editoriale innovativo, una monografia che reinterpreta la formula del catalogo d'arte, nato dall'incontro tra la casa editrice I Quaderni del Bardo di Stefano Donno, l'autrice e giornalista e Gianni De Benedittis. Un lavoro che rende omaggio al fondatore di futuroRemoto con l'obiettivo di porre in rilievo una delle eccellenze salentine che ha saputo far apprezzare a livello internazionale. Designer e creatore di gioielli, fondatore e direttore creativo del brand futuroRemoto Gianni De Benedittis nel 2007 ha vinto vince il concorso Who is on Next? per la gioielleria; nel 2009, a Milano, il Premio delle Arti, Premio della Cultura. Numerose le mostre in Italia e all'estero. Ha collaborato con il regista Ferzan Ozpetek nella creazione dei gioielli per il film Mine Vaganti (2010); per Aida del 74/o Maggio Musicale Fiorentino (2011); nel film Magnifica Presenza (2012); ne La Traviata al Teatro San Carlo di Napoli (2012), a Hong Kong (2013), a Bari (2014), a Napoli (2017); per i film Allacciate le cinture (2014), Rosso Istanbul (2017), Napoli Velata (2017). Dal 2009 disegna e crea gioielli per le collezioni alta moda di Gattinoni disegnate da Guillermo Mariotto. (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA




        Modifica consenso Cookie