Borsa: Milano debole con Tim, Ubi

Sotto pressione Prysmian, spread sale a 150 punti

(ANSA) - MILANO, 11 NOV - Seduta debole per Piazza Affari (Ftse Mib -0,19% a 23.489 punti) così come il resto delle Borse europee sui cui pesa il rallentamento del Pil britannico. Lo spread resta sotto la lente con il differenziale tra btp e bund in rialzo a 150 punti mentre è slittato a domani il deposito dell'atto di recesso sull'ex-Ilva da parte di Arcelor Mittal che ad Amsterdam segna un +0,21% in una giornata segnata dal calo delle quotazioni dell'alluminio. Tra i peggiori Prysmian che ha lasciato sul terreno il 2,68%. Prese di beneficio poi su Tim (-1,45%) dopo i conti. Tra i bancari vendite su Ubi (-1,45%) in scia alla trimestrale. Negativi tra i big anche Fca (-0,85%) e Unicredit (-0,87%) dopo la corsa sulla cessione di Mediobanca e i risultati dei nove mesi. Di contro, nel settore, sale Bper (+1,66%) e nel risparmio gestito Azimut (+1,90%). Buon passo di Salini Impregilo (+5,23%) tra i favoriti per un nuovo contratto in Australia. Sull'Aim al debutto Matica Fintec conclude la seduta a +5,85%.
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video Economia


        Vai al sito: Who's Who