Intesa per trasporto merci su navi con carburanti puliti

Ics-Irena aiutaranno settore marittimo nella transizione

Redazione ANSA ROMA
(ANSA) - ROMA, 17 GEN - Accordo di partnership fra l'International Chamber of Shipping (Ics, che rappresenta oltre l'80% della flotta mercantile mondiale) e l'Agenzia internazionale per le energie rinnovabili (Irena-International Renewable Energy Agency) "per sostenere la decarbonizzazione del settore marittimo e la transizione verso l'energia rinnovabile".

Lo rende noto l'Ics precisando che l'intesa è stata firmata durante un incontro tra i capi delle due organizzazioni alla dodicesima sessione dell'Assemblea Irena 2022 e consentirà all'industria di lavorare più da vicino con i membri globali di Irena, più di 160 paesi e territori.

Il passaggio a combustibili alternativi come idrogeno, ammoniaca, biocarburanti ed elettrificazione da fonti rinnovabili potrebbe ridurre dell'80% le emissioni del trasporto marittimo entro il 2050 come rilevato da Irena.

Parlando dell'accordo, Guy Platten, segretario generale di Ics, ha dichiarato che "lo shipping rappresenta quasi il 3% delle emissioni globali di Co2 e il nostro viaggio verso la decarbonizzazione è una sfida enorme. Dobbiamo ridurre la nostra dipendenza dai combustibili ad alta intensità di carbonio per alimentare le navi, anche perché negli anni a venire la flotta globale dovrà trasportare combustibili a zero emissioni di carbonio in paesi di tutto il mondo. La nostra nuova partnership strategica con Irena è un trampolino di lancio fondamentale per garantire che il trasporto di carburanti ecologici sia esso stesso reso 'verde'".

Francesco La Camera, Direttore Generale di Irena ha ricordato che "oltre l'80% del commercio mondiale è consentito tramite navi oceaniche. Eppure il settore è anche uno dei più difficili da decarbonizzare". Serve "costruire - ha aggiunto - una grande coalizione net zero, unendo l'industria e la comunità politica".

(ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA