Luna, la Cina si prepara ad aprire la capsula con i campioni

Annuncia che vuole condividerli ma Usa potrebbero non accettare

Redazione ANSA

La Cina si prepara ad aprire la capsula con i campioni lunari portati a Terra dalla missione Chang'e 5 e annuncia la volontà di condividerli con altri Paesi, ma gli Stati Uniti potrebbero non accettare. La capsula della missione Chang'e 5 è atterrata nella Mongolia Interna il 16 dicembre e dopo il recupero è stata trasportata in aereo a Pechino e consegnata all'Accademia cinese delle scienze.

 

I preziosi campioni, del peso di circa 1,7 chilogrammi, adesso si trovano in una struttura progettata per conservarli in sicurezza. I ricercatori hanno ideato un processo speciale per impedire che le rocce lunari vengano contaminate durante l'apertura. "Disimballeremo i campioni in un ambiente sotto vuoto e li trasferiremo in un ambiente di azoto per conservarli e trattarli", ha detto Zhang Guangliang, capo progettista del progetto del lander che ha raccolto i campioni. Il lander della missione Chang'e 5 ha raccolto le rocce dall'altopiano vulcanico nella regione di Mons Rumker, tramite un trapano e un braccio robotico. Li Chunlai, vice capo progettista della missione Chang'e-5, ha spiegato che saranno condotte "ricerche a lungo termine sui campioni lunari, per studiare struttura, proprietà fisiche, composizione chimica, caratteristiche dei minerali.

 

Speriamo di approfondire la nostra comprensione dell'origine ed evoluzione della Luna". Wu Yanhua, vicedirettore dell'Agenzia Spaziale Cinese (Cnsa) ha precisato che una parte dei campioni può essere utilizzata come 'regalo diplomatico' secondo i precedenti stabiliti da Stati Uniti e Russia. Inoltre, ha aggiunto che in conformità con il Trattato sullo spazio esterno, le risorse dello spazio sono bene comune dell'umanità e che la Cina agirà in base al trattato. Tuttavia, secondo il sito americano Space.com, la cooperazione con la Nasa dipende dalla politica Usa. Di recente la Nasa ha firmato accordi per acquistare campioni lunari raccolti da compagnie spaziali commerciali, come parte del programma Artemis che mira a rimandare gli astronauti sulla Luna nel 2024.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA