Al supermarket +9,3% acquisti a marca del distributore (Mdd)

Per le famiglie risparmio di due miliardi, 100 euro a nucleo

Redazione ANSA BOLOGNA

(ANSA) - BOLOGNA - I prodotti a marca del distributore (Mdd) sempre più apprezzati dai consumatori italiani perché coniugano convenienza, qualità e sempre più anche sostenibilità: nel 2020 gli acquisti Mdd sono aumentati del 9,3% rispetto all'anno precedente, per un valore di 11 miliardi e 800 milioni. Una crescita che vale il 78% della crescita dell'industria alimentare nel mercato domestico e incide per l'8% sul fatturato totale dell'industria. È la fotografia scattata da The European House - Ambrosetti nell'ambito di MarcabyBolognaFiere, durante il convegno 'Dall'emergenza al rilancio sostenibile: il contributo della Marca del Distributore', organizzato da Adm (Associazione distribuzione moderna e da BolognaFiere).

Dal report presentato emerge che nel 2020 la marca del distributore ha consentito un risparmio di oltre due miliardi per le famiglie italiane, pari a 100 euro a famiglia. La marca del distributore attiva inoltre nel nostro Paese una filiera di 1.500 imprese, di cui circa l'85% è rappresentato da piccole e medie imprese e il 92% è italiano. Sostiene una rete di 235.000 occupati diretti e indiretti.

Al convegno è intervenuta fra gli altri Alessandra Todde, viceministra allo Sviluppo economico, secondo la quale il settore agroalimentare ha dimostrato la sua strategicità "ancora di più nel corso degli ultimi anni e in questo anno di pandemia.

Questo settore - ha affermato - non solo smuove e mobilita fortemente l'occupazione in tutte le parti d'Italia ma è chiaramente il fronte diretto del consumatore". "La filiera del cibo - aggiunge Todde - ha saputo dimostrare una straordinaria capacità di resilienza, non solo resistendo alla crisi ma contribuendo in maniera significativa al rilancio e alla ripresa necessari per l'Italia". (ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie