Scuola: sindacati sul piede di guerra per apertura a luglio

Senza un'intesa si potrebbe arrivare allo sciopero

(ANSA) - TRENTO, 06 MAG - Sindacati sul piede di guerra contro la Provincia e l'assessorato all'Istruzione sul fronte dell'apertura delle scuole dell'infanzia a luglio. Ieri si è tenuto un incontro tra le sigle sindacali, l'assessore Mirko Bisesti e i dirigenti Roberto Ceccato e Livio Degasperi, ma non si è trovato un accordo e quindi Flc Cgil, Cisl Scuola e Satos hanno confermato lo stato di agitazione indetto il 24 aprile scorso. I sindacati - che nel corso di una conferenza stampa hanno parlato di incontro "deludente" - giudicano sbagliato il prolungamento per luglio e non ritengono ci sia un progetto didattico a supporto, mentre proporrebbero un potenziamento dei servizi di conciliazione, dalle colonie ai voucher all'utilizzo stesso delle strutture scolastiche con educatori e personale volontario, che possibilmente copra non solo la fascia delle scuole dell'infanzia ma le famiglie con minori fino a 14 anni.
    Se non si dovesse trovare un accordo con un'ulteriore convocazione si andrà avanti con iniziative mirate nelle scuole: in primis il blocco degli straordinari, poi lo stop oltre le 210 ore, infine il non utilizzo della propria strumentazione. L '11, 12 e 13 maggio, in contemporanea al Consiglio regionale ci saranno inoltre 3 giornate di presidio. Senza un'intesa, anche sulla scia di queste iniziative, si potrebbe arrivare allo sciopero. "Capiamo il bisogno di dare risposte alle famiglie ma questa la riteniamo una proposta non convincente", dice Cinzia Mazzacca, segretaria della Flc Cgil. "Questo prolungamento è un errore, è una falsa comunicazione alle famiglie perchè questa non è scuola, è un altro servizio, senza un programma nè un progetto", sostiene Stefania Galli della Cisl Scuola.
    "La Provincia fa comunicati e interviste ma non ha ancora deciso nulla", aggiunge Ennio Montefusco, segretario di Satos.
    "Non esiste contenuto pedagogico e organizzativo per questa proposta, è solo un'operazione a costo zero per l'amministrazione provinciale", chiosa Bianca Francesconi, delegata Flc per la scuola dell'infanzia. "Lo scorso anno l'apertura a luglio è costata 550mila euro, forse si potevano investire quei soldi dando libertà di scelta alle famiglie", sottolinea Candida Berlanda della Cisl Scuola. (ANSA).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Videonews Alto Adige-Südtirol

      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere

      Qualità Alto Adige




      Modifica consenso Cookie